• English

LA NUOVA FRONTIERA DEI SOLARI

6 Giugno 2024

Negli ultimi anni, il mercato dei solari si è evoluto tantissimo.

Ricerca, ricercatezza, prevenzione sono diventati fattori chiari per lo sviluppo di prodotti che proteggono la nostra pelle dagli effetti negativi dei raggi solari, che possono portare eritemi, macchie, invecchiamento precoce e persino tumori alla pelle.

Sono ben lontani i tempi in cui mi abbronzavo selvaggiamente sulla spiaggia con mia cugina versandoci della birra addosso (non chiedetemi perché). Siamo cresciuti con il mito che “essere abbronzati è più bello” e, per quanto in parte possano ancora sentirsi in parte d’accordo, crescendo ho imparato a prendermi cura della mia pelle, del mio corpo e della mia salute in maniera più smart e consapevole, partendo proprio dalla prevenzione.

Oggi, perciò, ho voluto fare una chiacchiera con Eva Casagli, co-founder di Biofficina Toscana, in occasione del lancio della loro nuova linea estiva, per scoprire quali sono le nuove frontiere dei solari.

solari biofficina toscana

FILTRI FISICI O FILTRI CHIMICI?

La nuova linea di protezioni solare contiene filtri UVA e UVB di ultima generazione e non nano, ocean safe e resistenti all’acqua, rispettosi della pelle ma anche dell’ambiente marino.

A differenza degli altri prodotti Biofficina Toscana che tutti noi amiamo e conosciamo, le nuove protezioni solari (Crema Viso Solare Age Control SPF50 e Latte Solare Spray SPF30) NON sono completamente biologici, ma c’è un perché.

“Il progetto di produrre dei solari per viso è corpo è partito 3 anni fa, e ci abbiamo molto tempo per mettere a punto dei prodotti di cui potessimo essere veramente orgogliosi” – spiega Eva. “Il problema è che il panorama delle protezioni solari è molto controverso e confuso, e noi siamo voluti andare fino in fondo per trovare le formule giuste per i nostri acquirenti.

All’inizio siamo partiti con i soli filtri fisici, per essere completamente bio. Ma purtroppo con i filtri fisici subentrano due grandi limitazioni e problematiche.

Il primo è che la texture del prodotto risulta pesante, non setoso, poco piacevole, può rilasciare scie ecc. Per ovviare a questo problema bisognerebbe usare filtri nano (cioè più piccoli), ma qui sorge il secondo problema: ci sono infatti molti dubbi e perplessità nei confronti dell’utilizzo di filtri nano, perché essendo appunto molto piccoli penetrano nel circolo sanguigno, e possono raggiungere tutti gli organi – linfonodi compresi – causando potenzialmente interferenze endocrine. In sostanza, si teme che i filtri nano possono far male alla pelle perché penetrano TROPPO in profondità.

Inoltre, nessuno studio scientifico dimostra in maniera incontestabile che questi filtri fisici proteggano realmente ad ampio spettro dai filtri UVA e UVB, quindi per noi non aveva senso mettere in commercio un prodotto del genere. Abbiamo così dovuto prendere la decisione di inserire i filtri chimici all’interno delle nostre protezioni solari, ma anche lì non è facile districarsi tra tante regolamentazioni.”

biofficina toscana solari

L’HAWAII REEF BILL

Proprio sulla sicurezza dei filtri solari, infatti, si è espresso l’Hawaii Reef Bill, un decreto che impedisce la vendita di prodotti solari che contengono alcuni ingredienti considerati dannosi come l’oxybenzone e l’ octinoxate nello stato delle Hawaii. Questo per proteggere l’ecosistema, visto che questi ingredienti sono appunto altamente nocivi per l’ambiente marino.

“Quello che volevamo noi” continua Eva “era innanzitutto che, anche se non completamente bio, i prodotti che andavamo a creare fossero comunque in linea con la nostra filosofia e la nostra etica. Abbiamo quindi deciso di puntare a una formula più pulita possibile come sempre fuori petrolati, parabeni ecc. ed inserire all’interno solo il filtro chimico stesso e i suoi stabilizzatori. Ma, soprattutto, ci tenevamo a produrre delle referenze che non inquinassero l’ambiente marino, escludendo di conseguenza non solo i filtri chimici già banditi dall’HRB, ma anche quelli “in forse”.

I nostri filtri solari di ultima generazione sono approvati dl protocollo delle Hawaii, perché certificati essere SICURI e non nocivi per l’ambiente marino e la barriera corallina. E, soprattutto, non sono nano.

Insomma, ci è voluto un bel po’ di tempo, ma alla fine possiamo affermare di essere arrivati a una formulazione che ci rende soddisfatti al 100%!”

I filtri solari usati da Biofficina Toscana, ve lo dico io, sono molto pregiati e costosi proprio per tutte queste proprietà uniche che hanno, e che li differenziano da tantissimi altri prodotti analoghi che si trovano oggi sul mercato. Nonostante questo, il team di BT ha cercato strenuamente di mantenere il price point quanto più basso possibile e in linea con il loro target di mercato, nel rispetto dei clienti come me che da anni amano e comprano questo marchio italiano.

Le protezioni sono super piacevoli e setose, si assorbono in fretta e hanno una bellissima spalmabilità. In più, la Crema Viso Solare Age Control SPF50 contiene un attivo antiossidante che è naturalmente di colore rosa, e conferisce così un effetto bone mine alla pelle. Inoltre, questi ingredienti antiossidanti importanti contenuti nella formula svolgono appunto un azione antietà, e quindi la protezione è perfetta da utilizzare tutto l’anno non solo in spiaggia, ma anche in città.

I NUOVI PRODOTTI

Oltre alle due nuove protezioni solari, per l’Estate 2024 Biofficina Toscana ha pensato anche a due prodotti senza SPF.

Il primo è il Balsamo Spray Bifasico per i capelli, un prodotto che non appesantisce i capelli, e può essere utilizzato in spiaggia per mantenere le chiome idratate, ma anche post doccia in sostituzione ai più classici balsamo senza risciacqua. Lo spruzzo dell’erogatore è molto preciso e pratico, e il profumo semplicemente favoloso: sembra quasi acqua di cocco fruttata, e ti catapulta immediatamente su una spiaggia dell’Indonesia con un fiore di frangipani tra i capelli!

biofficina toscana solari balsamo spray bifasico

L’altro prodotto è lo Scrub Abbronzatura Perfetta, che io personalmente sto adorando. Si tratta di una pasta esfoliante molto delicata, che non leva l’abbronzatura ma semplicemente le cellule morte, per conferire un colorito più uniforme e duraturo, e ha la stessa fantastica profumazione dello Spray Bifasico.

biofficina toscana scrub abbronzatura perfetta

biofficina toscana scrub abbronzatura perfetta

COSA NE PENSO?

Secondo me è sintomo di intelligenza che un’azienda bio decida di trovare un compromesso nell’interesse del consumatore finale, accettando anche di non creare un prodotto magari non completamente bio, ma che funzioni davvero e che sia rispettoso sia della salute di chi lo utilizza sia dell’ambiente che ci sta intorno.

È questo che fa la differenza tra un’azienda che ha una solida filosofia, una visione, un’etica alle spalle, e chi produce in grandi quantità solo per cavalcare un trend per fare più soldi.

Spesso al consumatore non importa se chi produce è una grande azienda o una piccola realtà, ma questo invece dovrebbe essere qualcosa a cui dovremmo imparare a porre maggiore attenzione.

Proprio come nell’industria alimentare, in cui cerchiamo sempre di più scoraggiare gli allevamenti intensivi e le produzioni di massa a favore di piccoli allevamenti e fattorie, lo stesso dovrebbe accadere nel mondo della cosmesi, dove ci sono aziende che ancora testano sugli animali e che vedono il profitto come una mission.

biofficina toscana solari

Io personalmente sono ben felice di usare solari di cui mi fido, e di affidarmi a un’azienda che opera nell’interesse del consumatore e dell’ambiente, in maniera trasparente ed etica.

Ho avuto la fortuna di provare questi solari in anteprima  esclusiva, e li ho portati con me nel mio viaggio in Marocco: devo dire che anche sotto il sole cocente dell’Africa, sono riuscita a non scottarmi (pur essendo scura ho la carnagione delicatissima) e lo Scrub Abbronzatura Perfetta è stato l’alleato perfetto sia per preparare la pelle all’esposizione al sole, sia dopo per mantenerla bella levigata e luminosa!

I nuovi prodotti solari di Biofficina Toscana sono tutti vegan friendly e testati al nickel (<0,0001%).

Potete trovarli sia in negozio che sul loro sito www.biofficinatoscana.it

    Lascia un commento